TARQUINI ARKADEVIC STOLYPIN MINISTRO DELLO ZAR DI RUSSIA RIFORMA AGRARIA MASSONERIA URSS

  • Modello: Raro Introvabile
  • Peso spedizione: 0.5kg.
  • 1 disponibilità in magazzino

15.00EUR

Da inserire:
TARQUINI  ARKADEVIC STOLYPIN MINISTRO ZAR RUSSIA RIFORMA AGRARIA MASSONERIA URSS

Il ministro dello zar che avrebbe potuto cambiare il corso della storia:

fu ucciso dai mondialisti per la sua riforma agraria

Bruno Tarquini

Nel 1906, in una Russia assediata da gravi problemi economici e da profondi e inaccettabili

squilibri sociali, Pëtr Arkadevie Stolypin viene nominato presidente del Consiglio dallo zar Nicola II.

Lo statista vara immediatamente un serio e coraggioso programma di riforme, specialmente in campo

agrario, tentando in questo modo d’imprimere alla Russia una svolta politica decisiva.

L’obiettivo è quello di elevare la prosperità economica del Paese, stabilire la giustizia sociale,

allentare la pressione rivoluzionaria.

Le forze sovversive, infatti, non avrebbero trovato terreno fertile per la loro azione e

forse si sarebbero potuti risparmiare tanti orrori e tante tragedie non solo alla Russia,

ma in tutto il mondo. Purtroppo questa vasta opera riformatrice, molto audace per quei tempi

e in quel contesto, viene bruscamente interrotta da una mano assassina, armata dai centri

finanziari internazionali e massonici.

Inizia così quel tracollo politico, economico e militare che porterà alla dittatura comunista.

Che cosa sarebbe accaduto se quella mano armata non avesse stroncato la vita e

il progetto di Stolypin? Interrogativi, riflessioni e straordinarie suggestioni è quanto si propone

di suscitare Bruno Tarquini, storico attento e profondo, a cui ora dobbiamo questo importante

documento, che va a colmare quella che era forse la più grossa e incredibile lacuna storiografica della tragedia del popolo russo.

BRUNO TARQUINI è nato ad Avezzano (L’Aquila) nel 1927. È stato pretore a Roma e, dal 1955,

al Tribunale di Teramo, prima come giudice, poi come presidente; nel 1986 è stato trasferito alla

Corte d’Appello dell’Aquila, dove ha svolto le funzioni di presidente della sezione penale e della

Corte d’Assise di secondo grado; infine, nel 1994, è stato nominato Procuratore Generale della

Repubblica presso la stessa Corte d’Appello. Per i tipi di Controcorrente ha già scritto

La banca, la moneta e l’usura (2001) ed ha tradotto e curato l’opera di Pierre Virion,

Il governo mondiale e la Controchiesa (2004).

Numero di pagine: 182 + 16 di Illustrazioni a colori

Editore: ControCorrente

Brossura editoriale

PER OGNI DOMANDA O PERPLESSITà
SCRIVETEMI
bottega2sicilie@libero.it Matteo

Contattaci: 081.8861284 - 24h 3484144948

Prodotto inserito in catalogo domenica 11 gennaio, 2015.

Roberta Vaia P.IVA 08602561212
Copyright © 2011-2017 Bottega delle 2 Sicilie.
Designed by ecommercesiti
Effettua la registrazione a PayPal e inizia ad accettare pagamenti tramite carta di credito immediatamente.